Namasté > Milano

Namaste-Milano

Sono lieto di invitarti
all’inaugurazione della mia mostra fotografica

Namasté

Inaugurazione:
giovedì 2 maggio 2013 – ore 18,30
Milano – La Casa delle Culture del Mondo
Via Giulio Natta, 11 – M1 Lampugnano

Orari:
da martedì al venerdì, dalle ore 10,00 alle ore 18,30;
sabato e domenica, dalle ore 14,00 alle ore 20,00;
lunedì chiuso

La mostra rimarrà aperta
fino a domenica 19 maggio 2013

Attilio Tripodi

 

Namasté
Reportage dal Rajasthan

In esposizione cinquanta immagini (formato 50×70 cm) scattate nell’aprile 2012 nella “Terra dei Re”, lo stato più grande dell’India, situato nel nord del Paese, da dove iniziò il processo di civilizzazione del sub-continente.
“Namasté”, letteralmente “Mi inchino a te”, è il tipico saluto indiano usato quando ci si incontra e ci si accomiata, accompagnato dal gesto delle mani giunte e portate all’altezza del cuore, con il capo leggermente chino. Il suo senso implicito di umile sottomissione racchiude una concezione spirituale dell’essere vuol dire “Adoro la divinità che è in te”. I ritratti in mostra colgono la consapevolezza che in tutti gli esseri è presente una scintilla divina, mentre le immagini dei gesti quotidiani esprimono la sacralità dell’esistenza che permea la vita della moltitudine indiana.
Attilio Tripodi ha immortalato il cuore gioioso dell’India e la mite ma dignitosa disponibilità a raccontarsi anche in condizioni disagevoli.
La mostra è promossa da Provincia di Milano/Assessorato alla Cultura.

È disponibile il catalogo della mostra. Per richieste: attiliotripodi@yahoo.it

Tel. +39 02 33496854 – culturedelmondo@provincia.milano.it

http://www.provincia.milano.it/cultura/progetti/la_casa_delle_culture_del_mondo_milano/Iniziative_2013_aprile.html

 

Attilio Tripodi

Attilio Tripodi è art director per la pubblicità, il graphic design, il packaging, l’editoria da oltre vent’anni. Grande appassionato di fotografia, i suoi scatti risentono del suo background professionale: linee, colori, pesi ottici, grafismi, spesso sono le direttrici delle sue immagini, strumenti estetici che avvolgono e talvolta condizionano l’emozione che una fotografia deve saper comunicare.
Le immagini che ama riprendere appartengono al viaggio attraverso culture diverse, un percorso intimo e interiore attraverso cui coglie la connessione tra luogo e presenza umana, tra se e il soggetto; i tratti di un viso, l’espressività di un volto, la postura, gli danno lo spunto vivo, concreto per riflettere sulla bellezza del tempo che avviluppa le vite umane.
Oltre alla partecipazione ai Festival Internazionali di Fotografia “Foto&Photo” di Cesano Maderno (MB) e “Fotografia Europea” di Reggio Emilia, ha esposto diverse raccolte a: San Terenzo (SP), Perego (LC), Biella, Settimo Torinese (TO), San Pietro in Casale (BO), Cesena, Calusco d’Adda (BG), Milano, Bernareggio (MB), Macherio (MB), Merate (LC), Valmadrera (LC) e prossimamente a Moncalieri (TO), Recoaro Terme (VI), Arcore (MB),Torino, Sirtori (LC).
Ha pubblicato due volumi tratti da due raccolte fotografiche “Da vicino” e “Da lontano”.