Orietta Manfrotto

 

Orietta Manfrotto

 

Orietta ha scoperto la sua passione per il disegno …da sempre!
Autodidatta, iniziò con i ritratti a carboncino e sanguigno, per avvicinarsi poi, alla pittura ad olio e tessuto. Ma la sua vera passione è la pittura sul vetro.
Innamoratasi della trasparenza e della lucentezza del vetro, riesce attraverso esso , ad esprimere al massimo la propria creatività rivelando varie tecniche applicative.
Orietta è una ricercatrice del colore, della forma, sperimenta continuamente tecniche e colori nuovi, la sua creatività è sempre in movimento, è perennemente alla ricerca del nuovo, del diverso.
Ha insegnato questa tecnica ai bambini delle elementari e delle medie attivando centinaia di laboratori in varie scuole della provincia, perché ella ritiene che la creatività e la libera espressione siano uno strumento indispensabile per una soggettiva manifestazione e sfogo dell’io, in sintesi, la creatività è un ponte tra le nostre sensazioni ed emozioni con l’esterno.
Orietta dipinge su vetro bottiglie, vasi, quadri, piatti ma la sua vera passione sono gli orologi.

Il tempo

Ogni giorno ciascuno di noi ha a disposizione 24 ore. Per alcuni volano, per altri non passano mai.
Albert Einstein diceva: “quando stai due ore in compagnia di una bella ragazza ti sembra un attimo, quando stai un attimo seduto su una stufa ti sembrano due ore. Questa è la relatività”.
Il tempo è la grandezza che meglio sappiamo misurare. E non da oggi. Gli astronomi babilonesi avevano macchine incredibilmente precise.
Eppure, Sant’Agostino, ne “Le Confessioni” scriveva che: “se qualcuno non mi chiede cosa sia, io lo so. Ma se qualcuno mi domanda di spiegarlo, non trovo le parole”.
Chissà se queste o quali altre considerazioni saranno mai passate per la mente di quest’artista conselvana che ha fatto dello strumento per la misurazione del tempo, l’orologio, il mezzo principale per esprimere la sua creatività.
Orologi dipinti su vetro, raffiguranti girasoli, papaveri, velieri, pavoni, decoupage con stampe d’autore, immagini sacre.
Colpiscono la vivacità dei colori, i colori della trasparenza, la cura e la passione che trasmettono. E colpisce il gusto con cui gli orologi sono esposti insieme alle bottiglie,ai quadri, ai vasi, ai piatti nelle sue esposizioni, dove non viene trascurato alcun dettaglio, nemmeno il più piccolo particolare. Ogni pezzo dipinto è una creatura di un mondo dove silenzio, spazio, purezza, leggerezza, magia del colore e incanto diventano la fioritura più autentica della creatività dell’artista.

Francesco Costalli

Collabora:

  • Associazione Antichi Mestieri di Padova
  • Manifestazione Medievale del Comune di Padova
  • Associazione Athesis Culturale di Stanghella – PD
  • Associazione Culturale “ Città di Padova”.

Ha partecipato al 6° concorso di pittura “Vie Venete di terra e acqua” ad Anguillara Veneta.