Raccontare se stessi, raccontare gli altri / Ultimi giorni

Concorso rivolto alle ragazze e ai ragazzi con una età compresa fra i 14 ed i 29 anni, iscritti nel 2019 a Scuole e Istituti Scolastici di ogni Ordine e Grado, a corsi di Formazione e di Specializzazione, a Università italiane e Straniere.

SEIMILA EURO
DI MONTEPREMI
in Borse di Studio
ENTRO IL 15 OTTOBRE 2019

BPER Banca | l’HUFFPOST | FONDAZIONE NINO MIGLIORI | FIAF
presentano
IL PREMIO FOTOGRAFICO 2019

Il 15 giugno 2019 prende il via il Premio Fotografico 2019 che, per celebrare i 180 anni di vita della fotografia, propone il tema:

“RACCONTARE SE STESSI, RACCONTARE GLI ATRI”

Fin dall’inizio la fotografia è stata chiamata a raccontare gli individui, il loro status e la loro “diversità” attraverso il ritratto e, nel corso della sua storia lunga 180 anni, ha continuato ad essere associata alla rappresentazione delle persone. Salutata al suo esordio come medium democratico, la fotografia ha via via soddisfatto il desiderio del ritratto che una volta era appannaggio dei ricchi e degli aristocratici. Dalla carta d’identità, alla foto ricordo, la fotografia accompagna la nostra quotidianità e fornisce ancora oggi la struttura visiva su cui è costruita la narrazione della propria identità- basti pensare, per esempio al selfie. Nella ricerca contemporanea la rappresentazione di sé e dell’altro tratta temi legati al sociale, alla sfera emozionale, al vivere quotidiano, alla cultura, all’arte, allo sport ai sogni. L’autoritrarsi diventa un gioco di travestimento e di messa in scena delle diverse immagini del sé.

I protagonisti del Premio sono ragazze e ragazzi con una età compresa fra i 14 ed i 29 anni, iscritti nel 2019, a Scuole e Istituti Scolastici di ogni Ordine e Grado, a corsi di Formazione e di Specializzazione, a Università italiane e Straniere.

Per partecipare è necessario inviare entro il 15 ottobre 2019 fino ad un massimo di tre opere fotografiche scegliendo una delle seguenti modalità di invio:
– al sito di HuffPost : www.huffingtonpost.it ;
– all’indirizzo di posta elettronica : premiofotouffpost@gedidigital.it;
– oppure con WhatsApp al numero +39 3336282546

Ai fini della corretta partecipazione, a ciascun candidato è richiesto di indicare obbligatoriamente i dati anagrafici, indirizzo di posta elettronica, la scuola/corso/università di appartenenza, la località in cui è stata realizzata la foto e una breve descrizione del luogo raffigurato.

Il Regolamento del Premio è consultabile sui seguenti siti:
www.bper.itwww.bperpervoi.it; www.fondazioneninomigliori.orgwww.fiaf.nethttps://speciali.huffpost-italia.it/premio-fotografico-2019/

Le foto che perverranno saranno esaminate in data 30 ottobre 2019 da una Commissione Giudicatrice composta da: Marina Nella Truant, Direttore Fondazione Nino Migliori – Roberto Rossi, Presidente FIAF Federazione Italiana Associazioni Fotografiche – Gianni Del Vecchio, Condirettore di HuffPost – Carlo Renda, Vice Direttore di HuffPost – Gian Enrico Venturini, Vice Direttore Generale di BPER Banca – Eugenio Tangerini, Responsabile Ufficio Relazioni Esterne e Media Relations di BPER Banca – Cristina Solmi, Relazioni Esterne di BPER Banca – Davide Lamagni, Media Relations di BPER Banca. Per il decimo anno consecutivo, il Presidente della Commissione Giudicatrice sarà il prestigioso Fotografo e Artista Nino Migliori.

Il primo classificato riceverà una Borsa di Studio del valore di 3.000 euro, il secondo classificato riceverà una Borsa di Studio del valore di 2.000 euro ed il terzo classificato riceverà una Borsa di Studio del valore di 1.000 euro. Al quarto premiato sarà assegnato il Premio Speciale della Commissione Giudicatrice del valore di 500,00 Euro. Le Borse di Studio verranno consegnate nella forma di una carta di credito personalizzata.

Le opere fotografiche vincitrici, saranno pubblicate entro il 20 novembre 2019 nella pagina dedicata del sito HuffPost e nelle pagine di Robinson , inserto culturale de La Repubblica .

La premiazione ufficiale si svolgerà venerdì 27 novembre 2019. Una selezione delle migliori fotografie sarà inoltre esposta nella sede di Modena di BPER Banca, in Via San Carlo 8, dal 28 novembre 2019 al 3 gennaio 2020 .

Anche quest’anno la FIAF e il Centro Italiano della Fotografia D’Autore dedicheranno una Monografia al Premio Fotografico nel mese di novembre 2019.

Per ulteriori informazioni:
ExperienceLab di Oda Costa – mobile +39 3482510753

70 son passati

A tutte le vecchie signore fa piacere togliersi gli anni, non alla FIAF dove orgogliosamente i 70 vogliamo archiviarli guardando già verso i 72. Si invitano i soci a non utilizzare più il logo del settantesimo, per informazioni sul logo e come va usato perbene abbiamo anche un vademecum o disciplinare a questo link.

Five Degrees / Federico Borella > Bologna Leica Store

Gallerie FIAF
Leica Store Bologna, Strada Maggiore 8 _ Bologna

dal 10 settembre al 10 novembre 2019 _ inaugurazione 10 settembre dalle 18:30 alle 20:30

Five Degrees, di Federico Borella

Il 10 settembre presso il Leica Store di Bologna inaugura la Mostra “Five Degrees” del fotografo Federico Borella, progetto che gli è valso il “Photographer of the Year 2019” del prestigioso concorso di fotografia “Sony World Photography Awards”.
Il progetto tratta il delicato tema dei suicidi tra gli agricoltori nello stato del Tamil Nadu, nel sud dell’India. Si basa su uno studio dell’Università di Berkeley, che mette in relazione il cambiamento climatico e la siccità, sempre più aggressiva, con l’aumento dei suicidi tra i lavoratori dei campi agricoli indiani. L’esposizione durerà fino al 10 novembre.

Pubblicato a livello internazionale, Federico Borella ha più di 10 anni di esperienza come fotografo di notizie e reportage. Ha lavorato sia per riviste, che per agenzie e per pubblicazioni nazionali ed estere, tra cui Newsweek, Time Magazine, CNN, Stern, Days Japan, XL Semanal, National Geographic USA, NZZ, Alpha Magazine, Magazinet Norvegia, Aftenposten, Dagens Nyether.
Specializzato nella realizzazione di video con conoscenze avanzate di narrazione, composizione, illuminazione e post-produzione, Borelli è un docente Leica Akademie di fotografia e foto-giornalismo.

Ha conseguito la laurea in letteratura classica & Meso-American Archeology presso l’Alma Mater Studiorum University di Bologna nel 2008. Successivamente ha completato un Master in giornalismo fotografico presso l’Accademia Jhon Kaverdash di Milano.
Dal 2009-2015, ha lavorato come fotografo commissionato alla John Hopkins University di Bologna e ha contribuito all’Agenzia internazionale di foto-giornalismo ParalleloZero.
Nel settembre del 2017 ha proiettato a “Visa pour l’image ” due diversi progetti: “La vita duratura di un veterano di quattro amputati” e “Sheroes” ed è stato anche membro della giuria della sezione Notizie di Visa d’or.
Fino ad arrivare ad oggi, quando Federico vince nella categoria documentari al Sony Awards 2019.

Alla scoperta delle Pertiche / AAVV > Brescia

Galleria FIAF
Museo Nazionale della Fotografia CFC Brescia

da sabato 7 settembre 2019

Galleria FIAF “Museo Nazionale della Fotografia CFC” –Brescia (BS) –

Alla scoperta delle Pertiche
Mostra collettiva dei Soci del Museo Nazionale della Fotografia- Cinefotoclub Brescia

La mostra è un magico viaggio attraverso le Pertiche, territorio bresciano diviso in due comuni nella Valle Sabbia di cui i fotografi del Cinefotoclub hanno raccontato il paesaggio, le genti, il folklore, i monumenti, le chiese e le ricorrenze.
In occasione della mostra verrà presentato il catalogo “Alla scoperta delle Pertiche

“Il Cinefotoclub si è fatto erede di una tradizione fotografica che oltre sessant’anni fa vide protagonisti nomi come Fausto Schena, Piero Vistali, Piero Gerelli e Piero Manenti, che documentarono Brescia e la sua provincia. Il clima era quello del dopoguerra, di una fotografia vicina alla realtà, che riuscisse a raccontare quel mondo che si percepiva stesse scomparendo.

Con mezzi improvvisati, un grande entusiasmo e la voglia di narrare, si spostarono in lungo e largo per la nostra provincia, raccogliendo frammenti di luoghi, di persone, storie e di valori umani.
Oggi queste fotografie, al sapore di nostalgia, con il loro bianco e nero carico di malinconia, ci rammentano di un mondo semplice, fatto di piccoli gesti, di sguardi intensi, ci raccontano la speranza e la fatica di quel periodo, ci portano a riflettere sulla memoria e sull’importanza della testimonianza. Fotografie dal grande impatto estetico e compositivo, che alla bella forma aggiungono un forte contenuto umano. Senza questi fotografi e queste fotografie avremmo perso una parte della nostra storia.

Sull’onda di questo neorealismo tutto bresciano, i Soci del Cinefotoclub hanno viaggiato armati di macchina fotografica attraverso le Pertiche, quel territorio poco considerato tra le nostre province, fuori dagli itinerari turistici, ma che possiede una grande ricchezza culturale, paesaggistica e folkloristica che questo volume intende valorizzare.

Un lavoro di gruppo, iniziato con una gita sociale organizzata dal Cinefotoclub, che ha rappresentato il punto di partenza per la scoperta di questi piccoli paesi, delle loro bellezze nascoste, delle loro festività laiche e religiose, dei loro abitanti.

Hanno raccontato i muri dipinti del museo a cielo aperto di Belprato, le maschere grottesche del Carnevale di Livemmo, la religiosità sommessa della chiesa dei Morti di Barbaine, la sinestesia della cascata dell’Acqua Bianca di Forno d’Ono, solo per citare alcuni punti di interesse tra i numerosi presenti in questi luoghi.

Ciascun fotografo con la propria sensibilità ed il proprio sguardo, attraverso le scelte tecniche più adatte, ha mostrato un lato nascosto o poco conosciuto di questo vasto territorio che si divide tra Pertica Bassa e Pertica Alta.

Noi oggi conosciamo la nostra storia attraverso le fotografie di coloro che ebbero la lungimiranza di lasciare traccia del loro tempo; oggi ci auguriamo che questo volume si faccia erede di questo passato importante e possa permettere alle generazioni future di non dimenticare e possa anche stimolare la curiosità di visitare questi luoghi.

Clownville / Eolo Perfido > Roma Leica Store

Galleria FIAF
Leica Store Roma

Mostra fotografica

Clownville, di Eolo Perfido

Leica Store Roma
Via dei due macelli 57 _ Roma
Inaugurazione 5 settembre 2019 ore 19:30

dal 5 settembre all’8 ottobre 2019

Biba Giacchetti

Il progetto Clownville di Eolo Perfido ha a che fare con il subconscio.
Eolo Perfido nasce come ritrattista di studio e, per molto tempo, si è dedicato al volto ed alla sua espressione collaborando con attori, musicisti e personaggi dello spettacolo.
Spesso è stato limitato nel creare un’estetica rassicurante e levigata, determinata dai soggetti ritratti in una variazione di luci ed ombre, sguardi e gesti.
É facile comprendere che per il progetto artistico Clownville abbia cercato una strada totalmente sovversiva, in grado di liberare e trascendere ogni possibile limite e fare del soggetto fotografato un materiale simile alla plastilina per muoversi nel regno della messa in scena, della commedia dell’arte, passando dal fumetto alla psichiatria, dalla letteratura, tra Pirandello e Stephen King, alla cinematografia iconica di Chaplin fino a Batman e Joker.
Eolo ha a che fare quotidianamente per il suo lavoro con la superficie liscia e patinata dei soggetti. In Clownville scava, libera e provoca, ci dice che l’essere umano non è solo ciò che sceglie di mostrare all’esterno, e ci parla invece di un lato oscuro, che si libera a partire da una maschera dipinta sul volto che ne consente l’impunità.
Eolo compie un viaggio onirico che sprofonda nel dark web umano, e ci racconta questi personaggi scaturiti dal suo genio creativo con uno stile gotico, magistrale e coerente nella scelta delle luci e della sostanziale tricromia, bianco nero e rosso, delle immagini.
Il mondo di Clownville ci lascia con un senso di inquietudine e divertimento, e il dubbio disturbante che i suoi personaggi iperbolici abbiano molto più a che fare con la verità che con la fantasia.
Benvenuti a Clownville, regno metaforico e surreale, ricordando Oscar Wilde che scrive: “date una maschera a un uomo e vi dirà la verità.

La mostra rimarrà aperta dal 5 settembre all’8 ottobre 2019 e si potrà visitare durante gli orari di apertura della Leica Gallery di Piazza di Spagna, dalle 10:00 alle 19:30

Per informazioni e acquisto stampe fine art:
Antonella Catanese
antonella.catanese@eoloperfido.com
+39 393 9662290


http://www.eoloperfido.com

Bio
Eolo Perfido (Cognac, Francia) è un fotografo ritrattista specializzato in fotografia pubblicitaria.
Ha lavorato con alcune tra le più importanti agenzie di comunicazione del mondo ed i suoi lavori sono stati pubblicati su testate come il New York Times, Communication Arts, L’Espresso, Panorama First, Vision, Vogue Russia, GQ Russia, Computer Arts.
Tra i suoi clienti aziende come Pepsi Cola, Samsung, Sky Television, Adidas, Opel, Kraft, Gatorade, Symantec, Breil, Oxydo, Medusa Cinema, Bionike, Debby, Repubblica di San Marino, Istat.
È stato assistente di Steve McCurry con il quale ha collaborato su decine di assignment in tutto il mondo. Ha avuto inoltre l’onore di assistere durante una serie di assignment grandi fotografi come Eugene Richards, Elliott Erwitt e James Nachtwey.
È uno degli street photographer italiani più conosciuti e stimati e dal 2014 ha iniziato una collaborazione esclusiva con Leica Camera e Leica Akademie.
Si occupa da molti anni di formazione fotografica ed ha alle spalle decine di workshops internazionali di Ritratto, Street Photography e Post Produzione Digitale.
È rappresentato in tutto il mondo dall’agenzia Sudest57.


Il suo sito:


http://www.eoloperfido.com

Eyes Mail-Art / AAVV > San Felice sul Panaro MO

Galleria FIAF
Centro culturale Opera – Azioni Creative

dal 2 settembre al 7 ottobre 2019

Galleria FIAF “Centro culturale Opera – Azioni Creative c/o PHOTOCLUB EYES BFI”, Via M. Montessori, 39 – 41038 San Felice sul Panaro (MO) – direttore Paolo Ferrari cell 3496493250

EYES MAIL-ART, di Photoclub Eyes

Il Dipartimento Progetti del PHOTOCLUB EYES BFI, in questi ultimi anni ha portato a termine due importanti progetti fotografici collettivi, EYES-365 ed EYES-52, sono anche state realizzate due Monografie FIAF.
Ora, con questo nuovo progetto intitolato EYES MAIL-ART, abbiamo voluto celebrare il 150° anniversario della realizzazione della prima cartolina postale. Ad avere l’idea, il 1 ottobre 1869, fu un certo Emanuel Alexander Herrmann, professore di economia all’accademia militare teresiana.
Il nostro progetto prevedeva la realizzazione di fotografie a tema, per dodici temi con cadenza mensile. Le fotografie dovevano essere inedite, stampate nel formato “cartolina” 10×15 cm.. Si doveva poi incollare sul retro un adesivo, prestampato per l’occasione, con tutte le caratteristiche del retro delle normali cartoline. L’autore poteva poi personalizzarla con testi, disegni ed incollaggi vari. Una volta affrancata doveva essere regolarmente “imbucata”.

Luca Monelli Presidente Photoclub Eyes BFI

L’opera fotografica, in questo caso la cartolina, pensata, realizzata e stampata è accompagnata da una presentazione, una citazione o anche una riflessione che aggiungono valore all’opera stessa, facilitano la lettura dell’immagine e dichiarano le intenzioni dell’autore. Infine c’è il viaggio, quasi liberatorio per l’immagine che, anziché rimanere latente nella memoria di un PC o di un hard disk o chiusa in un cassetto, viene spedita, manipolata, maltrattata, subisce gli sgarri meccanici delle distributrici di posta, gli insulti del meteo e finalmente giunge a destinazione dove viene sempre accolta con gioia e calore, viene vista, commentata, catalogata ed esposta… mai un’opera fotografica, che non sia una mail-art, ha compiuto tanti passaggi. Questo è il valore aggiunto di queste immagini che si arricchiscono di segni anche nel corso del viaggio, segni dettati dal caso e irripetibili che rendono unica l’opera.

Vanni Monelli Segretario Photoclub Eyes BFI

_